\\ Home Page : Articolo : Stampa
GLI OPERATORI DELL'INFORMAZIONE IN TOSCANA SI INCONTRANO A FIRENZE: PIU' TUTELA PER TUTTI.
Di Admin (del 17/07/2011 @ 20:51:35, in INTERNET editoria, linkato 1248 volte)

Il 25 Luglio 2011 alle Ore 10 in Via Carlo del Prete 135 a Firenze, si svolgerà l'Incontro Regionale del Sindacato SINFO FELSA CISL con gli Operatori dell'Informazione in Toscana.

IMPORTANTI I TEMI ALLO STUDIO PER LA SOPRAVVIVENZA DELLA CATEGORIA.

 La segreteria del SINFO FELSA CISL desidera incontrare iscritti e non iscritti per proporre nuove azioni sindacali da intraprendere per tutelare meglio Piccoli Editori, Free Lance, Operatori del Web ed Altri Operatori dell'Informazione. Durante l'incontro si affronteranno i seguenti argomenti : - Nuove Forme di Tutela per i Piccoli Operatori dell'Informazione Si ribadisce la necessità di rafforzare l'azione di tutela sindacale per difendere i piccoli operatori dell'informazione nei confronti di controparti più forti per evitare situazioni di sfruttamento. Si è deciso di rafforzare il Servizio Legale Gratuito del SINFO FELSA CISL. Iscritti e non iscritti che hanno dei problemi potranno contattare direttamente la segreteria nazionale del SINFO FELSA CISL per ricevere un'immediata assistenza gratuita. Solo a seguito di questo primo contatto, potranno essere indirizzati verso gli uffici legali delle strutture CISL regionali o provinciali. Inoltre, si stanno esplorando nuove possibilità per favorire la creazione di una Polizza Assicurativa a basso costo per la copertura delle Spese Legali derivanti da eventuali Querele Ricevute nell'esercizio dell'attività professionale. -

 Finanziamenti Nazionali e Regionali

Si è deciso d'intraprendere una ricerca conoscitiva su tutto il territorio nazionale volta a definire chiaramente quali sono tutte le possibilità che un piccolo editore ha per accedere ai finanziamenti nazionali e regionali. Una volta definite queste possibilità, il SINFO FELSA CISL potrà aiutare i piccoli operatori dell'informazione ad accedervi più facilmente. In questo modo, potrà cessare l'attuale situazione di concorrenza sleale tra grandi editori che, oltre ad essere grandi e forti ricevono pure i finanziamenti pubblici, mentre i piccoli editori fanno fatica ad andare avanti pur contribuendo a tutelare un prezioso bene comune : Il pluralismo dell'informazione in Italia. -

Creazione di Nuove Opportunità Professionali

 Si ha intenzione di promuovere la nascita di Cooperative a livello nazionale, regionale e territoriale composte da Free Lance per proporre Servizi Informativi alle redazioni delle grandi testate giornalistiche presenti sul territorio nazionale e all'estero. In questo modo, i free lance senza Partita IVA potrebbero organizzarsi per relazionarsi meglio con le grosse testate giornalistiche sviluppando nuove opportunità di lavoro.

- Raccolta Pubblicità Istituzionale Si è deciso di promuovere la creazione di Concessionarie Pubblicitarie strutturate sotto forma di Consorzio per raccogliere la Pubblicità Istituzionale derivante dalle grandi aziende private e dagli enti pubblici. Ai consorzi potranno aderire solo i piccoli editori interessati. Per realizzare questa iniziativa, si è scelto il consorzio perché, per sua natura, è di proprietà delle imprese che vi aderiscono. Con questa scelta, si vuole evitare che un'attività strategica come la raccolta di pubblicità istituzionale possa essere controllata da enti esterni e non direttamente dai piccoli editori interessati. Questo potrebbe creare non pochi problemi in caso di disaccordi. L'esperienza insegna che quando ci sono interessi economici, le possibilità di disaccordo tendono a crescere esponenzialmente. Per aiutare tutti ad andare più d'accordo, è meglio strutturarsi adeguatamente.

- Creazione Agenzia Stampa Nazionale Si sta valutando la possibilità di promuovere la creazione di un'agenzia stampa a livello nazionale. Migliaia di notizie vengono pubblicate ogni giorno da piccoli editori e da free lance in tutta Italia. Questa grande mole di notizie potrebbe confluire in un unico contenitore online, organizzata e commercializzata. I potenziali clienti potrebbero essere piccoli e grandi media, aziende, istituzioni, privati.

 All'incontro sono invitati tutti gli Operatori dell'Informazione della Toscana.