\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:PISTOIESE SCONFITTA PER 2-1 DALL’OLBIA AL MELANI ANCORA UN RIGORE CON ESPULSIONE L’EPISODIO CHIAVE MA L’OLBIA NON HA RUBATO NULLA PER I TOSCANI E’ CRISI CON 5 SCONFITTE NELLE ULTIME 6 GARE!
Di Admin (del 15/11/2020 @ 21:13:13, in calcio serie c, linkato 65 volte)





CAMPIONATO SERIE C GIRONE A

Gara N°11


 Stadio Melani di Pistoia


PISTOIESE OLBIA   1-2

Chilellato (PT) al 27’ del 1° tempo Ladinetti ( O ) al 42’ del 1° tempo su rigore Giandonato ( O ) al 9’ del 2° tempo



PISTOIESE:
Perucchini Romagnoli Camilleri Solerio Pierozzi tempesti Spinozzi Valiani Simonti Cesarini Chinellato

All.tore: Nicolò Frustalupi

OLBIA: Tornaghi Altare Emerson La Rosa lella Ladinetti Pennington Cadili Marigosu Giandonato Udoh

All.tore; Massimiliano Canzi

 Arbitro: Scarpa di Collegno

 Per la Pistoiese anche contro l’Olbia si è ripetuta la solita scena già vista in precedenti gare. Inzio partita con occasione colossale sbagliata poi il vantaggio grazie ad uno splendido colpo di testa di Chinellato e poi un episodio sfavorevole con rigore contro e cacciata dal campo di un uomo ed infine il gol della sconfitta non senza avere però creato sia pure in inferiorità numerica qualche occasione buona per il pareggio. Ma siamo onesti. Da qui a dire che l’Olbia abbia rubato qualcosa ce ne corre. I galluresi sono apparsi sin dall’inizio superiori a centro campo ed anche in possesso di buoni fraseggi e di buona tecnica.

 La gara del Melani semmai, se letta con occhi neutrali, poteva anche terminare sul 2-2 ma allora sarebbe stato da stigmatizzare di piu’ l’Olbia per aver sprecato diversi gol anche per troppa gigioneria piuttosto che mettere in evidenza la volontà di recupero degli arancioni.
 Volontà che c’è stata è vero, ma frutto di giocate a sprazzi e non di una manovra convincente che ancora Frustalupi non è riuscito a dare alla squadra

.Un Frustalupi che soprattutto nella ripresa ha cercato di stimolare i suoi giovani in ogni modo, ma al di là dell’encomiabile capitan Valiani che ha cercato di cucire e ricucire azioni su azioni non si è andati.

 A giudicare dalla classifica quello tra Pistoiese ed Olbia non è uno scontro tra titani 9 punti gli arancioni e 4 i sardi ( ma con gare in meno ) ma l’inizio gara è ben giocato ed a viso aperto dalle due contendenti

 Alla Pistoiese capita una occasione clamorosa al 7’ quando Cesarini riceve palla da Tempesti e dopo azione ubriacante si infrange davanti al portiere Tornaghi.Spreca tutto addosso al portiere!


 Valiani al trio dalla distanza al 12’ Poi occasione da gol per l’ Olbia con Marigosu che lancia lungo per la volata di Udoh il cui tiro esce di poco. Si gioca con azioni alterne ed anche a buon ritmo.Ospiti ancora vicini alla rete al 23’ quando un tiro di Ladinetti vede Pierozzi pronto sulla linea di porta a rinviare





 E come spesso avviene nel calcio dal gol sbagliato si passa la gol subito. Ed è anche un bel gol quello che porta in vantaggio la Pistoiese. Siamo al 27’ quando Simonti se ne va sul fondo sulla sinistra e pennela una palla in area per l’inzuccata vincente di Chinellato al suo secondo gol in campionato. Una rete che dà fiducia alla Pistoiese e smoscia assai i galluresi.

 Ma al 40’ accade quello che non ti aspetti.

 In area di rigore della pistoiese dopo un affondo dell’Olbia il portiere Perucchini che aveva stoppato un’azione in area con il possesso palla ,fa fallo su Pennington sotto gli occhi dell’arbitro che era a due passi. Espulsione diretta e rigore trasformato da Ladinetti dopo che il portiere era stato sostituito dal secondo portiere Vivoli.

 Ecco l’episodio chiava della gara, Pistoiese in attacco in fine tempo con Valiani ma ne esce solo un angolo 1-1 all’intervallo dopo buona gara,i soliti gravi errori sotto porta ma con un uomo in meno per il secondo tempo.

 Al 2’ altra occasione per la Pistoiese quando Cesarini serve una bella palla a Chinellato che batte a rete ma ricava solo un angolo. Poi l’Olbia prende in mano la gara anche specchiandosi troppo:.fraseggi prolungati ed a volte inutili.

 Ma al 9’ passa in vantaggio. Bella azione sulla sinistra di Cadili con palla che perviene al limite dell’area per il precisissimo tiro di Giandonato che non dà scampo a Vivoli. Cerca più volte l’Olbia di chiudere la partita per un terzo gol che non arriva

.Viene sprecata una ripartenza 3 contro 2 con Udoh che non punge poi Chinellato constringe all’angolo la difesa dei sardi su calcio di punizione. Comunque la Pistoiese resta sempre in gara.E l’Olbia sembra a volte l’Atalanta con continui tentativi di attacco con palla da destra a sinistra o viceversa del campo ma pungendo poco. Iniazia la sarabanda dei cambi. Cerretelli per Camilleri prima poi Mal e Gucci per Spinozzi e Chinellato al 30’ nella Pistoiese.Ragatzu per Giandonato al 18’ e Arboleda e Galigano per Pennington e Udoh al 28’ nell’Olbia.

 Vivoli evita l’1-3 respingendo una botta di Ragatzu al 31’ poi è fortunato poco dopo quando Gagliano colpisce due volte il palo.Olbia padrona del campo ma sempre a rischio. Infatti al 34’ Valiani ha l’occasione in scivolata di pareggiare ma il portiere Tornaghi para. E dopo che un egoistico Ragatzu non riesce a chiudere un attacco ecco che è ancora Pistoiese al 39’ con un colpo di testa di Pierossi su cross di Solerio con palla fuori!

 Sono le ultime emozioni di una gara discreta da parte delle due squadre con una Pistoiese a sprazzi,poco precisa a centrocampo, dotata di buon cuore ma apparsa per l’occasione meno manovriera degli avversari.

La sconfitta casalinga contro l’Olbia ,alla sua prima vittoria in questo torneo,è pesante.Rappresenta la quinta sconfitta nelle ultime 6 gare una crisi di risultati che non si verificava dalla stagione 2018/2019 quando dalla 14ma alla 19ma giornata vennero fatti 3 punti in 6 gare esattamente come ora.Peggio solo nella stagione 2014/2015 quando1 solo pareggio e 6 sconfitte su 7 gare costarono la panchina a Lucarelli.



 La classifica parla chiaro: Frustalupi in bilico?

 Vedremo che cosa deciderà la società guidata da Orazio Ferrari peraltro alle prese anche con una contestazione di gruppi di tifosi che gli imputano la scarsità di progetti e gli addebitano la volontà di non spendere…

 D’altra parte che dire?

      

Basterebebro le parole del Presidente di Laga Pro Ghirelli per fotografare lo stato dell’arte

.Ha detto Ghirelli:”Andiamo avanti fino al 27/28 novembre e poi verificheremo la situazione.A gennaio si rischia il collasso.Da febbraio è un anno che non arriva un euro! Senza aiuti economici da parte del Governo si rischia di fermarsi”