\\ Home Page : Articolo : Stampa
Clicca per leggere:E' UNA "SPARATA" DA AVANSPETTACOLO QUELLA DEL PASS ANCHE PER ANDARE AL BAR LANCIATA DA MACRON EPPURE ANCHE DA NOI IN ITALIA C'E' CHI SI E' IMMEDIATAMENTE ACCODATO
Di Admin (del 14/07/2021 @ 21:09:07, in critica politica, linkato 67 volte)
Conoscendo bene questo Paese era ovvio e scontato che la "SPARATA" alla francese di ieri da parte di MACRON circa la obbligatorietà di un PASS ANCHE PER ENTRARE IN UN BAR finisse per scatenare un vespaio. Subito solo saliti sul carro francese il Sottosegretario Sileri ed il generale Figliuolo. Sileri è addirittura arrivato a dire questo:" IL GREEN PASS DEVE DIVENTARE IL NOSTRO LASCIAPASSARE,SARA' IL NOSTRO NUOVO MODUS VIVENDI" Siamo all'avanspettacolo. Cominciamo subito col dire la nostra. A ME PARE IDEA FOLLE ed è ovvio che tra i pro ed i contro ci fossero anche pareri pesanti come quelli di due costituzionalisti del peso di Cassese e Flick. A quanto pare secondo Giovanni Maria Flick e Sabino Cassese l'interesse collettivo per la salute pubblica SUPERA E GIUSTIFICA UNA COMPRESSIONE delle scelte dei singoli. E questo deve valere sia per chi entra in un bar o ristotante da NON VACCINATO che per quelle particolari categorie come medici ed insignanti restii al salvifico ( tutto da dimostrare n.d.r.) BUCO. Era ovvio che quella "sparata" di ieri fatta dal Presidente francese Macron avesse subito degli estimatori da noi. Per ingrassare la ruota ed i cuscinetti del CONSENSO GOVERNATIVO si fa questo ed altro. In sintesi LA NOSTRA LIEBRTA' INDIVIDUALE secondo il parere pesante dei due costituzionalisti potrebbe benissimo essere COMPRESSA. Se non ti vuoi vaccinare non sali sugli autobus e non vai al bar o al ristorante.... Ma, ne siamo convinti, la cosa non si fermerebbe qui.... Vaccinarsi obbligatoriamente con PRODOTTI IN VIA DI SPERIMENTAZIONE? MAI!MAI!MAI! Qui non si tratta di doveri di solidarietà sociale. Quando ci saranno vaccini approvati dall'EMA e non autorizzati al commercio per l'EMERGENZA allora vedremo. Intanto sarebbe meglio pensare ad una CURA che dal prossimo 1 ottobre pare possa essere disponibile.